SAMB STORY. LA STORIA DELLA U.S. SAMBENEDETTESE PDF
PRIMA PARTE: Dalla fusione di "Fortitudo", "Forza e Coraggio" e "Serenissima" nasce la Sambenedettese Calcio (1923-1930)

Nel 1923, anno di fondazione della Sambenedettese,  San Benedetto del Tronto è un piccolo centro di circa quindici mila abitanti che vivono principalmente di pesca e di corda. Qui il gioco del calcio viene praticato già da molto tempo (dal 1907) grazie all’attività di squadre locali come la “Fortitudo”,  la “Forza e Coraggio”  la “Serenissima” ed altre ancora. L’estremo disagio creato dalla prima guerra mondiale non frena l’entusiasmo di ragazzi appassionati di football che si sfidano, scalzi, in epici incontri  formando squadre a ranghi ridotti (di sei-sette elementi). Ben presto anche le tre principali squadre cittadine iniziano a disputare  partite contro  formazioni dei centri vicini come Teramo, Ascoli, Giulianova, Macerata; si prendono contatti e si giocano le sfide; a bordo del taxi di Piero Zamponi si allestiscono le trasferte e si raggiungono i campi sportivi seguendo percorsi a volte accidentati.  Alcuni giovani che si cimentano in questo nuovo sport popolare non mostrano particolari qualità atletiche, altri invece iniziano ad emergere perentoriamente.  La connotazione “sociale” del calcio, a San Bendetto si manifesta fin dalle origini. Pescatori, artigiani e studenti costituiscono l’ossatura delle formazioni che scendono in campo. Prendendo sd esempio la “Forza e Coraggio”,  squadra formata principalmente da “lancettieri”  come Giacomo e Guido Spazzafumo , Francesco Liberati; c’è anche un marmista: Giacomo Croci; Alberto Falaschetti  fa  lu “zautte” o meglio, lo scaricatore di porto.  Pasquale Ricci, detto Rapepè, è anch’egli un pescatore di lancetta ed insieme a Silvano Del Zompo si distingue anche nella corsa campestre.  Non mancano naturalmente gli studenti come Luigi Mazzoni, Federico Zazzetta e Giovanni Meo detto “Giannì”. Forte di  indubbie competenze da selezionatore ed in parte…di “sciamano”,  il barbiere Lucio Palestini mette insieme per la prima volta una sambenedettese rappresentativa, uscita vittoriosa dal noto torneo di Porto San Giorgio. 

Intanto lo scenario socio-politico nazionale cambia profondamente e si registra l’avvento del Fascismo. Il regime intende creare una generazione di uomini prestanti e mette in moto un grande apparato propagandistico che dà  impulso alla creazione di squadre di calcio in ogni parte d’Italia, dalle province ai piccoli centri. A San Benedetto il dott. Italo Foschi, nativo di Corropoli e futuro presidente della Roma Calcio, contribuisce, per mezzo del cugino Silvio, alla fondazione della squadra cittadina: la US Sambenedettese, creata a seguito della fusione delle 3 compagini pre-esistenti. Ben presto viene assorbita anche la formazione del Torrione ( i “boys del castello”). La data di nascita della Samb è  il 4 Aprile 1923 presso Villa Cerulli, in Via Ugo Bassi a San Benedetto. Per la nuova squadra  si scelgono i colori sociali bianco-verde.  La neonata Sambenedettese  però non partecipa ad alcun campionato FIGC, non disponendo di un campo di gioco omologato. La prima partita viene giocata contro Fermo presso il Campo dei Funai: militano in quella storica Samb l’anconetano Carisdeo, Nazzareno Romandini, il fermano Piero Tosi, Diego Santori I, Giulio Merlini.

samb-1924Nel 1924 viene nominato presidente Giovanni Piunti detto “Ninì” e compaiono in qualità di consiglieri Pietro Lagalla, Mario Mandolini, detto “mangascià” e Francesco Sciocchetti detto “Checco”. Nel Maggio 1926, sotto la presidenza di Ludovico Giovannetti e sotto il patrocinio del podestà Offidani viene inaugurato il nuovo Campo Unione (presso Piazza San Giovanni Battista), presto denominato “la Trappoletta” o “la Cajenna” per l’atmosfera claustrofobica creata dalle mura di recinzione. La partita inaugurale viene giocata e vinta con la Pippo Massangioli (il Chieti Calcio), avversaria di rango.


Il 1926-27 è il primo campionato Federale dell'Unione Sportiva Sambenedettese, che partecipa alla Terza Divisione Marchigiana. La Samb, alla fine del torneo, si piazza al primo posto in classifica con 20 punti, dietro i sambenedettesi a una sola lunghezza segue la Vigor Ascoli, ma qualcosa succede, due mesi dopo, c'è in ballo un ricorso (uno dei tanti), riguardante la partita di Tolentino persa dai vigorini per 3-1, la delibera capovolge il risultato con la vittoria a tavolino, e così la Vigor si aggiudica la promozione. Le altre squadre partecipanti sono: Borghetto e Jolanda Ancona, Osimana, Tolentino e Vis Pesaro. Dopo pochi mesi si registra una scissione per liti interne e alcuni calciatori si trasferiscono alla società “scissionista”: il Torrione.

samb-2-1924

(formazione della foto:  Unione Sportiva Sambenedettese 1924

in piedi: Nino Piunti (Presidente), Pasquale Ricci, Nino Baffoni, Francesco Sciocchetti, Diego Santori, Mario Mandolini, Giuseppe Camiscioni
seduti
: Nazzareno Moretti, Federico Zazzetta, Pettorossi (Ancona), Guido Sorge, Tommaso Marchegiani

Nel 1927 circa compaiono i colori attuali, rosso e blù ed i campionati 1927/28 e 1928/29 vedono l’affermazione della Sambenedettese come un’autentica realtà del calcio regionale, capace di sfornare ottimi calciatori come Lucio Palestini (portiere), il bomber Tommaso Marchegiani,  gli ottimi Romandini e Offidani. Un secondo posto e una vittoria finale nel campionato regionale di III divisione segnano questi anni in cui i rossoblu giocano presso la Trappoletta. Pur fregiandosi del titolo di campione delle Marche dopo aver vinto (2-0) un’avvincente partita contro il Fano la Samb purtroppo non può iscriversi al campionato 1929/30 a causa dei dissesti finanziari provocati dalla crisi del ‘29.  Nel 1931 viene inaugurato il campo polisportivo “Littorio”, l’attuale “F.lli Ballarin”, che nel 1944 sarà dedicato a "Massì" Marchegiani (nella foto a fianco con la maglia del Torrione), morto in un bombardamento durante la guerra, mentre tenta di trovare riparo dalle schegge di bomba dietro ad una paranza.

LATRAPPOLETTA

Sambenedettese 1927/28
La formazione nella trappoletta

da sinistra: Nazzareno Moretti, Mario Mandolini, Giulio Merlini, Mario Capecci, Francesco Sciocchetti, Osvaldo Baffoni, Massetti, Perani (Macerata), Curzi (Macerata), Tosi (Fermo), Carisdeo (Ancona), Diego Santori

Sambenedettese 1928/29
samb-1928-29

 

 





SECONDA PARTE: Gli anni '30 in terza divisione fino alla stagione 1946/47, quando nasce la "superprovinciale",· una Samb capace di vincere tutte le partite casalinghe 

  La Samb degli anni ’30, appena uscita da un anno di inattività nei campionati ufficiali, si distingue con nuove vittorie nei gironi regionali. La passione della comunità sportiva (molto presente, rumorosa e multata dalle autorità sportive già all’epoca…) e la crescita di una generazione di validi calciatori locali permettono alla Samb di risalire per giocare nel campionato di Prima Divisione. Un servizio della rivista “Il Littoriale” del Marzo 1932 scritto dall’osservatorio di Ascoli Piceno descrive così i rossoblu: “baldanzosa e salda la squadra cara a Lucio Palestini; essa lotterà contro tutto e contro tutti pur di mantenere il posto al sole conquistato”. L’ex calciatore della Roma Attilio Sfasciotti viene chiamato nelle vesti di allenatore-giocatore ma subisce la lesione del menisco (carriera finita). Lo stesso Sfasciotti mantiene l'incarico di allenatore ma dopo due giornate del campionato 1932/33 viene esonerato.

anni-1927-samb samb-ascoli-trappoletta-1926-27_probabile 1928-29_Romandini-Portiere_Palestini-Fiori-Amadiosamb_1928-29_probabile

28-07-1932_Samb-Roma_in_amichevole_La-Roma-di-Fulvio-Bernardini-nellestate-del-19321932-33_RomaII-Samb_5-2_terza-divisione_copy

La Sambenedettese in prima divisione incontra le squadre delle riserve Roma II e Lazio II che impiegano anche elementi della prima squadra. Nella stagione 1932/33 passa alla storia la prestigiosa vittoria riportata sulla capolista Foligno. Sul terreno del Campo Littorio, pesante e sfavorevole ai leggeri atleti di casa nostra va di scena un’autentica partita d’altri tempi dove si distinguono l’incontenibile Marchegiani e il giovanissimo portiere Cosignani: “a tutta la Sambenedettese va rivolto l’elogio; ma principalmente al diciassettenne portierino Cosignani che, come un grande consumato campione e con molta disinvoltura, ha parato i tiri più insidiosi degli attaccanti bianco-celesti” (Littoriale del 9 Gennaio 1933). Nel Luglio del 1933 il quotidiano sportivo “Il Littoriale” dedica un intero articolo ad un calciatore rossoblu, si tratta di Osvaldo Taffoni. “Osvaldino” desta· ammirazione ed entusiasmo fra appassionati, tecnici ed osservatori e· viene descritto come un talento naturale che aveva esordito anni addietro, non ancora quindicenne, nel ruolo di ala. Nell’articolo egli viene ritratto come una bandiera del calcio sambenedettese per serietà, costanza ed estro.

1936-1937_samb1932-33_Samb-Torres_1-2-al-campo-Littorio1936-37-samb

Nel 1937/38 la Samb sale agli onori delle cronache sportive perché si guadagna l’accesso alla finale della I Coppa Italia Centrale, avendo come avversaria la Borzacchini Terni. Le squadre danno vita a ben quattro incontri equilibrati al termine dei quali la coppa viene assegnata al Terni. Il quarto match risolutivo si disputa in Ancona, la partita è accanita e la Samb cede per 2-1. Cresce però notevolmente l’esperienza di questa piccola realtà calcistica che disputa caparbiamente i campioanti di prima divisione. In questo periodo si segnalano per bravura, generosità e attaccamento alla maglia numerosi calciatori locali come· i portieri Cosignani e Perotti,· gli arcigni terzini Calabresi e Capecci, il gagliardo esterno Patrizi, il mediano Rosetti, il cannoniere Pulcini, l’ala destra Lazzari (detto “la littorina”), le mezzale Assenti (detto “muse nère”) e Ulissi,· insieme a giovani di sicuro avvenire come Cammoranesi, Flammini, Paci (“Barò”) ed altri ancora. In questo periodo le stagioni sono scandite da innumerevoli e seguitissimi derby con l’Ascoli. Le cronache nazionali evidenziano la scarsa vena della città capoluogo quando incontra i rossoblu.

04-10-1940_samb-ascoli-2-1Samb-con-lallenatore-Piero-Pasinati-Campione-del-Mondo-nel-1938-a-Parigi

Soltanto la limitatezza dei mezzi economici e la chiamata alle armi di molti effettivi costringono la Samb a ritirarsi dalla Prima Divisione nel 1940/41. Nonostante ciò passa alla storia un derby vinto 2-1 contro l’Ascoli proprio in questa disgraziata stagione; infatti nonostante la sfiducia, la crisi societaria e l’impressionante striscia di sconfitte patite in precedenza, i rossoblu sfoderano una prova straordinaria. Mattatore di quell’incontro è· il sambenedettese Pompei che segna il punto decisivo del 2-1. Pompei morirà di lì a poco in guerra, a bordo della corazzata Roma. Malgrado i colpi durissimi inferti alla società Sambenedettese, gli eventi bellici forgiano una nuova, incredibile generazione di talenti locali. Essi formeranno un gruppo di calciatori-bandiera che, sostenuti da entusiasmo e caparbietà, in più occasioni, sfioreranno la serie B. E’ in questo caso che si può parlare di autentica cultura calcistica perché la squadra di calcio è seguitissima e la passione per questo sport nazionale, a San Benedetto, viene tramandata di padre in figlio. Intere famiglie (Palestini, Assenti, Paci, Traini…) si rendono partecipi delle sorti· della Samb capace di produrre autonomamente i suoi atleti e proprio per questo definita dal Corrierre dello Sport la “superprovinciale”. Nella straordinaria stagione 1946/47 la squadra riesce addirittura a vincere tutte le gare interne registrando un record nazionale. A volte, una panchina “corta” impedisce alla squadra di avere quel pizzico di continuità necessaria per fare il grande salto.

1946-47_Samb-Maceratese_4-219.01.1947__Samb-Ascoli_3-0

Il 26 Agosto 1948 si decide di festeggiare il XXV compleanno della società sportiva. Il Corriere dello Sport mette in risalto l’evento con le seguenti Samb-con-lallenatore-Piero-Pasinati-Campione-del-Mondo-nel-1938-a-Parigiparole:  “...la S.S. Sambenedettese con musiche, tombole, gare e spettacoli pirotecnici celebra il suo glorioso passato. E’ nella luce di questi festeggiamenti  che la Sambenedettese appare con veste nuova e, diremo, democratica. C’è qualcosa di bello “in lei” che appassiona e conduce ad una mirabile armonia verso tutto ciò che porta lo stampo di fraternità, e da cui i seicento soci attingono la loro forza, avvalorata da convincimenti e propositi saldissimi...”. Insomma la Samb è molto più che una squadra di calcio e il connubio della società sportiva con il suo “popolo” è totale.

tifosi-1950-ballarinIl tifoso sambenedettese percepisce la squadra di calcio come una sorta di componente della famiglia e  i  ragazzi del territorio vedono nel calcio l’opportunità di riscattarsi dalla povertà cercando di vestire i colori rossoblu. Gigi Traini, soprannominato “il Piola delle Marche” per la capacità di buttarla dentro di testa diventa l’idolo degli sportivi rossoblu ed è anche il primo giocatore della Samb che giocherà in serie A, nelle file dell’Alessandria. Purtroppo un grave infortunio subito durante una partita con il Milan bloccherà la sua carriera. Anche Pippo Cammoranesi, Palma,  Palestini V, per le notevoli qualità tecniche saliranno fra i professionisti. Il giovane e rapido Pasquale Sansolini viene prelevato direttamente dalla Juventus di Boniperti nel 49/50 dopo aver attirato l’attenzione degli osservatori piemontesi a suon di goal. Non può essere dimenticato il giovane pescatore Rinaldo1948-tifosi-trasferta Olivieri, ala destra sambenedettese; il ragazzo, ammirato da tutti per temperamento e  generosità, viene presto acquistato dalla Spal e si toglie la soddisfazione di giocare anche nella Nazionale B. La Spal intanto nota il “fenomeno provinciale” sambenedettese al di fuori dei confini del ricco nord e  intraprende negli anni 50 uno stretto rapporto di collaborazione con la Samb. Le cronache dell’epoca parlano di modello “marchigiano”, infatti il 14 Marzo 1952  un giornalista del Corriere dello Sport, titola: “Trascurato l’esempio della Samb?“ e poi scrive  “pochi dimostrano di tener conto della vera importanza della Sambenedettese di stagione-52-53_riconoscibili-Palestini-IV-Traini-III-Ottino-in-tuta-Cacchi-Lepre-Brignone-il-portiere-Piero-Persico-Brignone-Morsan-Rinaldo-Olivieri-secondo-in-piedi-da-sinistraquello che rappresenta nel calcio italiano dal lato morale, cioè come esempio di squadra di piccolo centro che non fa grandi acquisti, che i giocatori se li fa in casa, non sa cosa voglia dire passivo alla fine dell’anno. L’esempio insomma che a saperci fare e a non voler essere megalomani si può tenere con onore una squadra di calcio senza correre ogni due o tre anni il rischio di fallimento”. Parole  molto eloquenti…infatti la Samb indica la nuova via da seguire a tutto il calcio provinciale, proprio mentre molte società piombano in crisi a causa di investimenti grandiosi e di spese dissennate.

anni-50-roncaroloIl merito della buona gestione societaria va indubbiamente riconosciuto a presidenti lungimiranti come Giorgini, Brancadoro, Formentini, Cerboni, Roncarolo e a dirigenti capaci come Palestini, Gaetani, Biagini etc... Le ristrettezze non sono poche, ma vengono superate. Ad esempio nel 1952 lo stipendio mensile guadagnato da chi arriva da fuori zona è di L.20000 più vitto e alloggio, una somma irrisoria per i calciatori professionisti dell’epoca. Palestini IV, soprannominato “Sufiola”, ci racconta che in trasferta si aveva la cena pagata solo in caso di vittoria. Questa Samb costruita con estrema oculatezza raggiunge prestigiosi traguardi come le promozioni nei gironi “riformati” della Serie C 1947/48 e  1951/52 e il successivo salto in serie B.  Proprio all’ultima giornata, nel 1952 la Samb deve cedere il secondo posto all’Empoli dopo aver lungamente conteso la serie B al Cagliari, SAMB-1949-50_in-piedi-da-sinistra-Matassini-Vanelli-Palma-Traini-Grilli-Palestini-V-accosciati-Palestini-IV-Brignone-Persico-Paci-Maruzzellalottando da pari a pari ed entusiasmando.  La Samb del dopoguerra è veloce, forte in tutti i reparti, imbattibile fra le mura amiche del piccolo Comunale o stadio “Fratelli Ballarin”, così intitolato nel 1949  in onore dei caduti di Superga.  Il mix di giocatori provenienti dall’inesauribile vivaio e calciatori-allenatori di provata esperienza come Alfredo Notti (giocherà fino a 42 anni), o  Valeriano Ottino,  funziona a meraviglia garantendo belle prestazioni perfino nella dura “C” a girone unico. Non mancano ovviamente delle critiche mosse da qualcuno, come ad esempio quella di Trasmondi (Prato) che ci invia la sua istantanea dal passato: “la Samb è vigorosa, compatta ma non fa gran gioco, non dà spettacolo”. Nell’occasione sarà pronta la replica dell’intervistatore: “Effettivamente se per spettacolo si intendono i preziosismi tecnici, le cosiddette finezze, nei ranghi degli adriatici troviamo il solo Larena che li ama. Ma spettacolo possono essere anche le rovesciate di Palma o le respinte volanti dei terzini, e la velocità tutta del gioco”.

1953-54-Samb-Taranto-3-0_Samb-dellallenatore-campione-del-mondo-Pasinati-in-felpa-rosa-per-dovere-di-ospitalitIl campionato di Serie C a girone unico 1955-56 vede la promozione in Serie B con 44 punti a pari merito col Venezia; la Samb come al solito mantiene il campo imbattuto e con 61 reti segnate vanterà anche il miglior attacco del torneo. Il presidente è Domenico Roncarolo (sua l’idea di chiedere un contributo finanziario ai pescatori locali). L’impresa della prima storica promozione in serie B per di più arriva nel difficile torneo di serie C a girone unico. La squadra viene assemblata per conseguire una tranquilla salvezza, controllando comunque il bilancio societario e prendendo in prestito alcuni giocatori esperti dalle divisioni superiori. Il cavalier Roncarolo, affiancato dai consiglieri 1956-all-biagini-giovanni-perotti-mimi-perotti-ing-gaetani-lucio-palestini-commissione-acquistiDante Biagini, Antonio Sgattoni, il dottor Piatti e l’ingegner Alberto Gaetani, affida la guida tecnica all’allenatore Bruno Biagini. La corsa a tre verso la promozione viene effettuata fino alla fine della stagione dal blasonato Venezia, dalla Samb campione d’inverno e dalla Carbosarda, terzo incomodo. La penultima gara di campionato vede la Samb, un po’ stanca,  pareggiare in casa lo scontro diretto con il Venezia dopo essere andata sotto di due reti. Un pubblico delle grandi occasioni proveniente da ogni angolo di Marche e Abbruzzo riempie il piccolo Ballarin fino all’inverosimile e spinge Guidazzi e Padoan a siglare le reti del pareggio.

IMG_0030-La-Samb-con-Alfredo-Notti-allenatore-ed-il-dirigente-Dante-BiaginiIl successivo 1-1 ottenuto nella trasferta di Cremona con goal di Rizzato sancisce la sospirata promozione. A San Benedetto, i tifosi che nel frattempo si sono riuniti davanti al Bar Calabresi, sono in trepidante attesa. Quando finalmente giunge la telefonata che conferma il risultato e la conseguente promozione, auto imbandierate e clacson impazziti animano le vie della città fino a tarda notte. I motopescherecci salutano la notizia con le sirene. L’identificazione della Samb, squadra della marineria, con i propri tifosi raggiunge qui il suo apice. Si scrive sulla popolare rivista “Il Calcio Illustrato”: “….Insomma non è esagerato dire che il luminoso campionato vinto dalla Sambenedettese è merito di un’intera comunità….nelle serate e nelle notti della domenica arrivavano le richieste in testo Morse alla stazione radio del porto, che febbrilmente domandavano alla base se la sambenedettese aveva vinto o perduto. Era la voce cifrata di uno, o dieci o trenta dei centoquaranta motopescherecci atlantici: di quelli che fanno trenta giorni di navigazione…”. Il premio promozione offerto agli atleti dal parlamentare fermano Amore Tartufoli consiste in una cravatta per ciasun calciatore.  La squadra, che si è sobbarcata estenuanti trasferte in terza classe per tutto l’anno, questa volta si concede una sosta a Bologna per festeggiare, sono tutti ospiti di capitan Astraceli. Nell’occasione Bruno Sciarretta, tifoso al seguito e grande amico di Gustavo Travaglini taglia all’ala sinistra sambenedettese la cravatta-dono. E’ un gesto propiziatorio. Intanto, a San Benedetto  si attende gioiosamente l’arrivo  in stazione dei vincitori fino alle cinque del mattino.

Commenta l'articolo

Commenti   

RE: COMMOVENTE

#3 Webmaster » 2010-10-31 11:32

Citazione Morrison:
Veramente una gran bella idea.
....
Comunque complimenti per l' articolo, aspetto il prossimo con ansia.
Bel sito, bella società, bello stadio, finalmente aria nuova.
Dopo vent'anni stavo per soffocare definitivamente!
Grandi!!! Grazie.

Grazie a te Morrison ! Le sorprese che il sito nuovo riservera' non sono certo finite... anzi, abbiamo appena iniziato.

Forza Samb
0 +−

Webmaster

COMMOVENTE

#2 Morrison » 2010-10-30 16:57

Veramente una gran bella idea.
Che bello quel calcio veramente d'altri tempi esattamente come quello che facevamo da bambini in strada e dove la scazzottata per una punizione non sarebbe mai stata definita violenza, cose da ultras, disadattamento sociale o la marea di stronzate con cui insigni dottori avrebbero definito ciò dal pulpito televisivo.
Semplicemente sarebbe stata considerata normale e salutare per la crescita.
Minchia, sembrano passati 200 anni in un trentennio.
Dicono che sia il progresso, ma me sembra un vero e proprio regresso civile.
Comunque complimenti per l' articolo, aspetto il prossimo con ansia.
Bel sito, bella società, bello stadio, finalmente aria nuova.
Dopo vent'anni stavo per soffocare definitivamente!
Grandi!!! Grazie.
+2 +−

Morrison

finalmente !

#1 Webmaster » 2010-10-29 09:14

Volevo nuovamente fare i complimenti a Gianluca Capecci e Francesco Fabiano per l'ottimo lavoro svolto.

I particolari, sono quelli che fanno la differenza.
+1 +−

Webmaster

PER INVIARE UN COMMENTO, REGISTRATI ORA OPPURE LOGGATI AL SITO CON USERNAME E PASSWORD

 

 
 
   
  ANTICA PASTA GLOBO
 
© S.S. Sambenedettese Srl p.iva 02177180441 - viale dello Sport, 62 San Benedetto del Tronto. Tel: +39 0735.782429 / fax: +39 0735.786285
info[@]sambenedettesecalcio.it