SALDI-SAMBSTORE
Andrea Vallocchia in conferenza stampa PDF
(0 voti)
News - Prima Squadra
Mercoledì 15 Marzo 2017 20:30
Questo articolo è stato letto: 1162 volte

 ANDREA-VALLOCCHIA

L'esterno destro ai microfoni della stampa locale

Due presenze consecutive da titolare, due vittorie. E' il caso di Andrea Vallocchia, centrocampista classe '97, uno dei giovani più promettenti nella rosa di mister Sanderra: "Questa coincidenza fa piacere però non dipende solo da me, ma da tutti - dichiara Vallocchia - perchè siamo tutti utili e nessuno è indispensabile. L'abbiamo dimostrato partita dopo partita e la gara di domenica ne è stato un esempio palese: Alessio (Di Massimo) è subentrato al mio posto ed ha fatto gol, regalandoci i tre punti". Con la gestione Sanderra, il centrocampista scuola Benevento sembra aver trovato più spazio: "Il mister mi utilizza in più ruoli e quella è un'arma a mio vantaggio. Io cerco di dare il massimo in allenamento, lo facevo prima con mister Palladini ed ora anche con mister Sanderra e spetta all'allenatore mandarmi in campo, sia da titolare che da riserva come a Parma e contro il Venezia". Vallocchia analizza il momento positivo della Samb: "Con il Forlì non abbiamo giocato benissimo; poi abbiamo affrontato Parma e Venezia che sono le due corazzate del campionato, perdendo sei punti. Nelle ultime due gare ci siamo riscattati portando a casa bottino pieno e le due vittorie ci hanno ridato morale. Il nostro intento è solo uno: portare a casa i tre punti come sempre". Mai pensato in estate di andare in un'altra squadra? "Quella di andare via è stata un'idea che ho avuto spesso, però la famiglia Fedeli e il direttore Avv. Gianni mi hanno sempre ribadito la loro fiducia e ho saputo aspettare. E' stato importante il loro supporto. Quello dello scorso anno è stato il primo campionato tra i grandi elo reputo fondamentale. Non me l'aspettavo: ero un pò scettico all'inizio, ma pur non giocando molto, è stato veramente un anno essenziale sia per la vittoria del campionato ed il successivo salto di categoria sia averlo vinto in una piazza così illustre come quella di San Benedetto che richiede grandi responsabilità. E' un'esperienza che rifarei mille volte". Prossimo avversario in campionato il FeralpiSalò: "Rimaniamo con i piedi per terra. Non sono le due vittorie che ci fanno fenomeni o le due sconfitte scarsi. Il nostro obiettivo è sempre quello: portare a casa i tre punti ovunque andiamo. Il Feralpi viene da una sconfitta e cercheremo di approfittare di questo loro momento negativo provando a fare il colpaccio anche a Salò". Un giocatore a cui ti ispiri? "Guardo moltissime partite, cerco di prendere ispirazione dal difensore all'attaccante, che sia un passaggio, una giocata o una chiusura. Un giocatore che mi è sempre piaciuto è Robben, però uguagliarlo è difficile se non impossibile (ride, ndr)". Il giovane centrocampista molto spesso è stato oggetto di apprezzamenti da parte di patron Fedeli: "La fiducia da parte della famiglia Fedeli c'è sempre stata, anche quando non giocavo, quindi queste dichiarazioni fanno solo piacere, anzi, sono uno sprono in più per dimostrare che ha ragione". Sui vari ruoli ricoperti in campo: "Il mister mi ha chiesto di dare una mano in più in fase difensiva, specie nella gara con il Sudtirol, infatti sono passato quinto, anche se il ruolo di esterno deve essere quello di prendere palla e puntare. Il mio obiettivo è di avere più continuità. Ho cominciato come mezzala, ruolo che non mi dispiace affatto, perchè mi facilita negli inserimenti con giocatori come Pezzotti che mettono spesso la palla in mezzo. Su tutti preferisco il ruolo di esterno destro".



Ufficio Stampa
S.S. Sambenedettese

Commenta l'articolo

PER INVIARE UN COMMENTO, REGISTRATI ORA OPPURE LOGGATI AL SITO CON USERNAME E PASSWORD

 

 
 
© S.S. Sambenedettese Srl p.iva 02177180441 - viale dello Sport, 62 San Benedetto del Tronto. Tel: +39 0735.782429 / fax: +39 0735.786285
info[@]sambenedettesecalcio.it