SAMB-L.R.VICENZA: i precedenti in casa rossoblu PDF
News - Primo Piano
Sabato 09 Marzo 2019 11:06
Questo articolo è stato letto: 465 volte

MICELI

Sette incontri ufficiali per il Lane Rossi Vicenza in casa Samb, 3 al "Fratelli Ballarìn" e 4 al "Riviera delle Palme", i primi cinque in serie B, gli ultimi due in Terza Serie.

Di Luigi Tommolini

I sette precedenti sono stati giocati tutti in gare di campionato: 4 vittorie rossoblù, 2 pareggi (entrambi a "reti bianche") e una vittoria dei veneti che, vedremo, è risultata molto pesante per le sorti della Samb.

Il primo scontro è datato 16 novembre 1975, 8a giornata di serie B.

La "SamBergamasco" batte all'inglese, 2-0, il Lane Rossi Vicenza di mister Manlio Scopigno, campione d'Italia con il Cagliari di Gigi Riva nel 1969/70.

Al "Ballarin" c'è una leggera pioggia ma Bomber Francesco Chimenti "fa uscire il sole" con una favolosa doppietta nei primi 20 minuti di gioco.

Al 9° riceve dal compianto Mauro Agretti e batte di sinistro il portiere Ernesto Galli; dieci minuti dopo, servito da Massimo Berta, lascia partire un bolide dal limite dell'area avversaria: la sfera s'insacca imparabile sotto il "sette" della porta vicentina. Il "Ballarin" esplode. Sarà, poi, l'estremo difensore rossoblù, Antonio Pigino, a salvare per tre volte il risultato su Stefano D'Aversa, Maurizio Restelli e Roberto Antonelli illuminati dalla regia del giovane e compianto Agostino Di Bartolomei.

Il 30 gennaio 1977 i rossoblù della coppia in panca "Gigi Traini-Nicola Tribuiani" fermano, 0-0, la capolista Vicenza nelle cui file gioca un certo Paolo Rossi che cinque anni più tardi sarà Campione del Mondo a Madrid nell' Italia di Enzo Bearzot.

"Pablito" Rossi è marcato stretto da Mauro Agretti e la squadra di Giovan Battista Fabbri trova difficoltà nello scardinare la porta rossoblù difesa da Flavio Pozzani. I veneti comunque sfiorano il palo un paio di volte nella prima mezzora, poi sale in cattedra la Samb: Francesco Chimenti, Otello Catania e Franco Colomba vanno vicini al vantaggio.

A dieci minuti dal termine un fallo di mano di Franco Cerilli in area vicentina non viene clamorosamente sanzionato con il calcio di rigore dal famigerato Paolo Bergamo di Livorno (vedi Samb-Sampdoria 0-0 del 14 maggio 1978): vivaci proteste in campo e dei settemila presenti sugli spalti.

E' datata 1° giugno 1980 l'unica vittoria dei biancorossi in casa Samb. E' la penultima gara di campionato, ultima in casa e, purtroppo, ultima al "Ballarin" della mitica "SamBergamasco" e di molti suoi interpreti. La Samb deve vincere ma il Vicenza di Renzo Ulivieri è squadra solida. Il tempo non promette bene, infatti a metà gara comincia a piovere: è il 38° del primo tempo quando un contropiede degli ospiti viene finalizzato in rete da Paolo Rosi (con una erre) battendo Stefano Tacconi che non subiva gol in casa da sette gare (4 mesi). La Samb reagisce ma il gol del meritato pareggio non arriva. La domenica successiva all'"Arena Garibaldi" di Pisa un arbitraggio negativo di Paolo Casarin e il gol vittoria di Aldo Cantarutti nei minuti finali condanneranno i rossoblù ad un' immeritata retrocessione in serie C1. La "SamBergamasco" termina là, all'ombra della torre pendente, i suoi giorni mitici e di gloria, consegnati imperituri alla nostra Grande Storia.

Cinque anni dopo, il 22 settembre 1985, Samb-Vicenza si gioca per la prima volta nel nuovo stadio "Riviera delle Palme". E' la terza giornata di campionato. Il gol di Roberto Di Nicola ad inizio ripresa permette alla Samb di Giampietro Vitali di battere il Lane Rossi di Bruno Giorgi.

L'anno successivo, 2 novembre 1986, è di nuovo vittoria rossoblù, 2-1. Francesco Turrini porta in vantaggio la squadra di mister Roberto Clagluna. Il raddoppio è siglato da Massimo Ginelli a dieci minuti dal termine. A due minuti dal 90° il direttore di gara, Pierluigi Lamorgese di Potenza, assegna un penalty ai veneti. Dal dischetto Antonio Rondon batte Fausto Borin. E' questo l'ultimo scontro giocato in "cadetteria".

Sei anni dopo, il 1° novembre 1992, le due squadre s'incontrano per la prima volta in Terza Serie ed è pareggio 0-0. La Samb di Claudio Tobia non sfrutta 5 occasioni nitide per andare in gol e la superiorità numerica nell'ultima mezzora, grazie all'espulsione di Paolo Mastrantonio comminata dall'arbitro De Santis di Tivoli. Anche i veneti di mister Renzo Ulivieri sprecano tre occasioni e alla fine i migliori saranno i due portieri, Stefano Visi e Giorgio Sterchele. Pessima giornata per gli attaccanti delle due compagini discendenti dei memorabili "Bomber" Francesco Chimenti e Paolo Rossi.

E' cronaca recente (21 marzo dello scorso anno) quella dell'ultimo precedente dei veneti in casa Samb. I rossoblù di Eziolino Capuano battono 2-1 i biancorossi di Zanini grazie alle reti di Luca Miracoli su calcio di rigore per fallo in area su Miceli e di Alessio Di Massimo su millimetrico lancio del "Messi del Molise", Vittorio Esposito: un gol da incorniciare!!! La rete della bandiera dei veneti è siglata da Ferrari a cinque minuti dalla fine. La Samb torna al 2° posto in classifica...

TAB

 

Commenta l'articolo

PER INVIARE UN COMMENTO, REGISTRATI ORA OPPURE LOGGATI AL SITO CON USERNAME E PASSWORD

 

 
 
   
  ANTICA PASTA GLOBO
 
© S.S. Sambenedettese Srl p.iva 02177180441 - viale dello Sport, 62 San Benedetto del Tronto. Tel: +39 0735.782429 / fax: +39 0735.786285
info[@]sambenedettesecalcio.it